mercoledì 5 settembre 2018

Epiteti malriposti


E comunque il pinguino imperatore arriva fino a 535 metri di profondità in immersione, con la leggiadria di un pinguino, la resistenza di un pinguino e la tenacia di un pinguino. Stima e rispetto per il pinguino, il cui nome troppo spesso viene usato per epitetare bipedi dalle caratteristiche spesso molto meno nobili o interessanti. Come io ho fatto ieri con il mio dirimpettaio.

martedì 28 agosto 2018

Motivazioni

Questo esercizio me lo facevano fare quando dovevo allenarmi sui cross in area piccola ai tempi in cui giocavo come portiere in eccellenza, avevo due polpacci grandi così, la spinta di un F14 e 20 anni di meno. Quando non mancano le motivazioni.

clic here

giovedì 23 agosto 2018

Problem solving

 
Quando i bambini fanno quel genere di capricci satanici che riuscirebbero a sfrantugiare la corteccia prefrontale anche a Padre Pio, un genitore che vuole mantenere il self control ed evitare l'utilizzo della mazza chiodata, ha due valide opzioni: 1. commiserarli in quanto organismi semplici 2. fingere la morte come le capre.

mercoledì 22 agosto 2018

One Way

Comunque, per sperimentare l'ebbrezza della solitudine è sufficiente prendere un paio di pensieri e provare a metterli in mano a una persona a cui, di quei pensieri, non fotte quasi nulla.

Il riposo del sombrero

Ammiro quelli che riescono a non fare un cazzo dalla mattina alla sera e poi dirsi stanchi. Servono predisposizione e coraggio. La predisposizione al cazzeggio senza perdita dell'orientamento e del senso temporale. Poi il coraggio: quello di specchiarsi in prospettive vuote, o di aprire la bocca senza curarsi del fatto che magari l'interlocutore è uno che invece è solito farsi un mazzo tanto. Viaggiano su un sentiero di velluto e d'ignota destinazione, riservandosi il lusso di non dover programmare praticamente nulla se non in una dimensione puramente teorica. Perchè poi se li vai a sentire hanno sempre un gran da fare. E sono stanchi. Molto stanchi.

venerdì 20 luglio 2018

21 grammi


Non basta una vita per fare tutte le cose che si avrebbero voglia di fare. Confido nella reincarnazione. Con tutti i rischi che comporterebbe rinascere come qualcosa che, nel panorama universale delle creature viventi, non sia un soggetto dotato di senno e misura. Tipo una checca isterica, un esagitato o un razzista. Ma pare l'anima si porti dietro i principi e valori universali acquisiti nelle vite precedenti, e che il processo non sia regressivo. Certe conquiste fortunatamente sono per sempre.

venerdì 13 luglio 2018

Amore in pillole

Amo : il primo caffè della giornata, trovare 10 euro nella giacca dell'inverno scorso, parcheggiare selvaggiamente,  spingere il carrello lungo le corsie del supermercato, gli sguardi d'intesa, i sorrisi gratuiti, scoprire una bella canzone, le tisane dai gusti improbabili, distendere le gambe sul pouf in wengè, avere i capelli spettinati, i sughetti col pane, il momento in cui accendo il microfono, immaginare accostamenti di colore, le mani che mi accarezzano i capelli, il solletico delle vibrisse di Mia sul mio naso, staccare il pollo arrosto dall’osso, svegliarmi con la luce che spinge la porta socchiusa,  la perseveranza di Wyle il coyote, la risata di Motley, il tartufo inodore del cane, rispecchiarmi nelle frasi dei libri che leggo, gli occhi ambrati, quando la pioggia batte sul parabrezza o scende fittissima come nebbia e ti bagni anche le viscere, tenere per mano i miei bambini, l’odore dell' incenso che proietta lontano, i profumi del sottobosco, la nudità del rock, i sospiri di sollievo,  guidare lungo strade semi vuote la sera, i giorni in cui mi sento vivace,  posare la puntina del giradischi sui miei vinili, i sorrisi gratuiti, le bancarelle dell'artigianato, le atmosfere medievali, l'acuto di Since I've Been Loving You, risolvere cruciverba ermetici, camminare scalzo,  i piccoli solchi sulle labbra carnose,  la sabbia tra le dita, gli armadi ordinati,  i pensieri disordinati...